Design e narrazione: Il bello dei dati nell'indagine statistica | Rinascita Digitale

Design e narrazione: Il bello dei dati nell’indagine statistica

dati che trasmettono emozioni

I dati sono noiosi. Questo è quello che si è portati a pensare nella maggior parte dei casi, quando si sfoglia un quotidiano o una rivista scientifica. La prima reazione è voltare pagina e concentrarsi su altro. I dati però sono importanti per comprendere una determinata realtà e il loro essere più o meno comprensibili, dipende da chi li rappresenta. Ma i dati possono essere anche belli. Ce lo spiega Federica Fragapane, visual e information designer che ha un approccio innovativo sull’argomento.

La narrazione dei numeri

Come possiamo evitare di farci raccontare dai dati quello che vogliamo sentirci dire? Attraverso la narrazione. L’intelligibilità di un grafico statistico passa attraverso le parole. L’aggiunta delle immagini serve a imprimere meglio la ricerca condotta nella mente del lettore. Ci deve essere un’assoluta sinergia tra design e parole. Ogni elemento visivo rappresenta un contenuto e va spiegato.

Per approfondire l’importanza delle parole nella rappresentazione della realtà, leggi l’articolo “Il potere delle parole nell’era digitale”

” Se usati male e male appositamente, i dati possono essere davvero dannosi” ci dice Federica Fragapane

L'onestà intellettuale nella rappresentazione statistica

Come fare a raccontare i dati in maniera neutra? Chi li produce deve seguire il principio dell’onestà intellettuale. Essi vengono raccolti e prodotti da esseri umani ed elaborati da macchine sempre controllate da esseri umani. Il compito di chi si occupa di rappresentarli è quello di essere il più neutrali possibili, fornendo ai lettori delle precisazioni sulla ricerca e anche una legenda per essere più autonomi nella fruizione dei dati.

Consigli di lettura:

Come i grafici mentono di Alberto Cairo

Uno dei maggiori esperti di visualizzazione dei dati analizza il modo in cui i grafi ci influenzano in negativo e in positivo la nostra percezione della verità. I social media hanno reso onnipresenti – e facili da condividere come mai prima d’ora – grafici, mappe e diagrammi. Se queste visualizzazioni possono informarci meglio, possono anche fuorviarci, mostrando dati incompleti o inaccurati, suggerendo configurazioni ingannevoli, o dandoci informazioni sbagliate.

Addio ai cari e vecchi istogrammi

L’approccio di meta visualisation di Federica Fragapane si prefigge di raccogliere e rappresentare i dati, tenendo conto anche dell’aspetto umano ed emotivo nascosto fra essi. I suoi grafici non sono mere e asettiche rappresentazioni, ma forme perlopiù morbide e organiche, qualcosa che faccia trasparire che dietro a un numero c’è una vita, del pianeta o di persone.

Curiosità:

Dataninja è un sito internet che aiuta le persone a orientarsi in modo facile e chiaro nel mondo attraverso i dati. il loro manifesto è “Aiutiamo le persone a vivere meglio usando i dati”.

Questo modo di fare meta visualisation è davvero innovativo e coinvolgente. Il messaggio che fa passare è che i dati possono essere qualcosa di bello.. La loro fruizione e importanza può essere comunicata grazie a parole e immagini che si avvicinano alle persone, dando loro una visione più “piacevole” di quella che è la realtà.

Martina Cogliati
Content Creator Rinascita Digitale

Se questo contenuto ti è piaciuto, partecipa al nostro appuntamento settimanale di Good Morning Doers dedicato al tema Innovazione in diretta ogni Giovedì dalle 9:30

% Commenti (1)

[…] Se vuoi approfondire l’argomento su un nuovo modo di fare dati, clicca qui […]

Leave a comment

otto + 12 =