I candidati di domani cercheranno lavoro su Tik Tok

Quanto pesa il fattore creativo nella ricerca di lavoro? I trend del momento e l’annuncio di una piattaforma Tik Tok Beta nella quale sarà possibile candidarsi alle vacancy, fanno intendere quanto la creatività sia importante. Scopriamone di più!

La personalità ti rende occupabile

Nel mondo dei social, ma anche e soprattutto nel mercato del lavoro, c’è l’esigenza di distinguersi per generare interesse, ottenere visibilità e possibilmente anche un’occupazione.

Escludendo infatti specifiche nicchie di competenza, nel resto dei settori creare contenuti o cercare lavoro vuol dire confrontarsi con tantissimi profili simili al proprio.

Ma questo non è un buon motivo per scoraggiarsi! Due persone che svolgono la stessa professione non possono in alcun modo considerarsi identiche.

È proprio questo il punto chiave: ognuno di noi è il risultato di un insieme di ingredienti amalgamati in modo del tutto unico e irripetibile. Se impariamo a comunicare e condividere questa unicità possiamo realmente fare la differenza.

Le potenzialità del video

Nell’ultimo anno il video ha avuto un peso sempre maggiore nei processi di selezione, da un lato perché la pandemia ha necessariamente richiesto l’utilizzo dei video colloqui. Dall’altro perché le aziende sempre più spesso cominciano a richiedere presentazioni video che facciano trasparire la personalità dei candidati.

La necessità è quella di una selezione personalizzata e più umana, che possa mettere in luce il valore aggiunto di ogni candidato, oltre le competenze.

Su questa scia anche i social più “leggeri”, come Instagram e Tik Tok, hanno visto delinearsi al loro interno delle nicchie focalizzate su temi di approfondimento legati al mondo del lavoro.

Tik Tok in particolare ha dato sempre maggior spazio all’edutainment, valorizzando tutti quei contenuti che in modo rapido e accattivante forniscono spunti di riflessione, tips e strumenti formativi nei settori più svariati.

Edutainment: con questo termine si intende una forma di apprendimento coinvolgente con l’obiettivo di divulgare nozioni e formare, ma allo stesso tempo intrattenere il fruitore del contenuto.

Cercheremo lavoro su Tik Tok?

Negli USA alcuni brand hanno già a disposizione Tik Tok Beta dove inserire annunci di lavoro ai quali i candidati rispondono con application video.

Questa modalità strizza l’occhio alla Generazione Z che fa dell’active browsing un tratto distintivo. Ovvero l’utilizzo dei social che predilige la creazione alla fruizione passiva o all’interazione con contenuti di altri utenti.

Infatti su Tik Tok non è raro trovare content creator che utilizzano la piattaforma per cercare attivamente lavoro. Ovviamente mettendo in risalto le proprie caratteristiche distintive in modo creativo e informale. Questo, tra l’altro, perché Tik Tok ha uno tra gli algoritmi più premianti nei confronti dei contenuti di valore.

Inoltre il video – rispetto ad un CV standard – ha il grande vantaggio di far risaltare l’unicità del proprio approccio al lavoro. Mettendo in risalto quale potrebbe essere il contributo del candidato per l’azienda.

La domanda a questo punto è: questo cambiamento sarà così radicale da riguardare anche tutte le altre generazioni? O meglio, hai già cominciato a creare anche tu un CV video?

Cosa si intende per Generazione Z? un po’ di numeri per conoscerla meglio:
Con questo nome ci si riferisce orientativamente ai nati dall’anno 2000 in poi
– Sono circa l’11% della popolazione italiana
– Sono pari a 2,4 milioni di utenti attivi al mese
– Il 65% di questa fascia d’età è composta da donne

Giulia D’Innocenti
Content Creator Rinascita Digitale

Se questo contenuto ti è piaciuto, partecipa al nostro appuntamento settimanale di Good Morning Doers dedicato al tema Employability in diretta ogni venerdì dalle 9:30

Leave a comment

17 + 6 =