L'evento

24 Giugno dalle 15:00 alle 17:00
La terza edizione de “Il lino si racconta”, organizzato da Linificio e Canapificio Nazionale, CELC ed i partner territoriali diventa digitale. Quest’anno il tema dell’evento è quanto mai attuale: “Il futuro torna a fiorire”, un titolo che celebra la fioritura del lino nel campo di Astino come simbolo della rinascita dopo il lock-down.

Gli ospiti

Alex Bellini esploratore e divulgatore ambientale di fama internazionale, noto al pubblico per le sue imprese estreme, tra cui le traversate oceaniche a remi e per il suo impegno nel sensibilizzare sul tema dell’inquinamento degli oceani e dell’ambiente.

Gianumberto Accinelli, entomologo, scrittore e professore, specializzato in ecologia, ha trasformato la sua irriducibile passione per gli insetti nel suo lavoro. Attraverso la partecipazione a trasmissioni radiofoniche e televisive come Geo&Geo ma anche grazie alla scrittura di numerosi libri, è in grado di raccontare il mondo della natura impegnandosi sempre più nella sua attività di divulgazione scientifica.

Ornella Bignami Direttore Creativo Elementi Moda è Visiting professor presso prestigiosi istituti di moda e Università per la definizione dei trend socio-culturali e dell’evoluzione delle materie tessili: Bocconi-MAFED, Design & Fashion Management MBA, NABA, IULM Milano.

Prof. Giovanni Carlo Federico Villa è professore associato di Storia dell’Arte Moderna e di Museologia e storia della critica d’arte e fa parte del Collegio didattico di Dottorato in Studi Umanistici Transculturali dell’Università degli Studi di Bergamo. È inoltre docente di Museologia e Museografia presso la Scuola di Specializzazione in Beni Storico-Artistici dell’Università degli Studi di Udine.

Prof. Enrico Simonato È segretario del Centro Internazionale di Studi sulla Sindone e membro della Commissione Sindone della Diocesi di Torino.

I temi

Partendo dal fiore delicato del Lino interverranno in un viaggio virtuale tra natura, moda, arte e cultura.
Un viaggio che da Astino si concluderà nella Val Gandino, dove è stato seminato un altro campo di Lino.
Le nuove direttrici per costruire una nuova realtà, anche per il settore tessile fortemente coinvolto nel progetto e nella ripartenza, sono chiare: sostenibilità sociale ed economica, equilibrio con la natura e scelte consapevoli, in linea con sistemi valoriali che permettano di garantire un futuro migliore.

Il lino del Linificio a servizio dell’arte, cultura e religione

l Lino filato da Linificio e Canapificio Nazionale per il Progetto “Lino in Val Gandino: il tessuto, la reliquia nel mondo”. Durante la settimana santa, un nuovo campo di lino è stato arato e seminato anche in Val Gandino – Bergamo - con l’obiettivo, condiviso con il vaticano, di riprodurre una serie di copie autenticate della Sacra Sindone. La fibra ottenuta da questo campo verrà filata nello stabilimento del Linificio di Villa D’Almè, tessuta da Torri Lana mentre la stampa sul tessuto, con riprodotta l’immagine originale della Sacra Sindone, sarà curata dal Museo della Sindone in collaborazione con il Centro Internazionale di Sindonologia. Il Centro si occupa anche della divulgazione e comunicazione al mondo cristiano cattolico e ortodosso.
Le copie saranno pronte per essere consegnate nelle chiese in tutto il mondo nel 2021.

Iniziativa

Rinascita Digitale, un’iniziativa promossa da Mashub srl, nasce per facilitare il processo aziendale e professionale di Digital Transformation.
Insieme al Linificio e Canapificio Nazionale S.p.A., una delle più antiche aziende europee, simbolo dell'eccellenza italiana e punto di riferimento a livello internazionale per la filatura di lino e canapa di alta qualità, organizzano questa maratona verticale attorno al tema del lino.