Quella bellissima sensazione

Quella bellissima sensazione storie di rinascita digitale

L’ultima volta che sono stata in cassa integrazione, ho scritto la tesi della mia laurea specialistica, quindi posso affermare che tutto sommato mi sia tornata utile perchè ho saputo sfruttare al meglio quel periodo.

Una volta laureata, la situazione al lavoro non era cambiata, ma sono riuscita a trovarne uno nuovo e a cambiare molte cose in un colpo solo. Ho cambiato città e sono andata a vivere per la prima volta da sola, spinta dalla forza che la chiusura di un lungo capitolo mi aveva dato e con la precisa e bellissima sensazione di essere l’unica artefice del mio destino. E così fu.

Dieci anni dopo eccomi di nuovo nella stessa situazione e il mio primo pensiero è stato che anche da questa volta doveva nascere qualcosa.

Non ho tesi da scrivere, ma ho tempo da dedicare a corsi, alla lettura e all’approfondimento. Mi riscopro, così, curiosa e assetata di conoscenza come forse non sono mai stata, stimolata ogni giorno da nuovi argomenti e con l’agenda fitta di impegni virtuali (grazie Rinascita Digitale!) che quasi non mi rendo conto di essere “senza lavoro”. Il mio cervello ha cominciato ad avere così tante idee, proposte e spunti continui che vado a letto stanchissima, ma sempre serena perché quella sensazione si sta rifacendo strada in me, la sento.

Non so ancora con esattezza cosa succederà, ma so per certo che mi sto preparando al meglio per farla succedere…la mia nuova rinascita!

 

di Irene Veronese

% Commenti (1)

Positivo…e’ la parola che mi e’ venuta in mente leggendo queste parole…curiosita’, ottimismo, desiderio di conoscenza, entusiasmo ed ottimismo…una iniezione di fiducia nel futuro che ci attende…brava Irene!!!

Leave a comment

16 − 11 =